una perla d’esempio di alta informazione

 da http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=66128&titolo=Sesso%20%20A%20lezione%20dai%20%20boy%20scout


Sesso : A lezione dai boy scout

In Inghilterra un programma di educazione sessuale per i membri del gruppo


Da scoutismo ad erotismo il passo è breve. Chi non ha apprezzato, almeno come filosofia, i boy scout  ( anche una sola volta nella vita)? Un manipolo di individui  dagli 8 anni in sù, di entrambi i sessi, che si riuniscono, con scadenza bisettimanale, per esibirsi in gite improponibili . Escursioni correlate da tanta gioia di vivere e da lezioni di pesca o di accensione di fuochi mentre si è intenti a piantare i picchetti di una canadese.Dei simpatici bacchettoni poco sgamati, spesso sottoposti ad una coercizione , da parte dei genitori , per entrare a far parte di questa second life istituzionalizzata.

Second life dove si insegna l’educazione e il rispetto per anziani, per persone più deboli e per l’evergreen Dio. Che siano laici o appartenenti ad un culto , queste organizzazioni si definiscono perfettamente nelle parole del sommo George Bernard Shaw “Gli scout sono dei bambini vestiti da cretini, guidati da cretini vestiti da bambini“.

Dal Regno Unito apprendiamo di recente una svolta epocale nella gestione di questi “babbi” di lusso. Pare che oltrepassata la soglia dei 14 anni sia stato posto in essere un programma di educazione sessuale per i nostri simpatici David Crockeet. Trattasi di un programma che coinvolgerà ben 35.000 scout inglesi di circa 14 anni, piccoli lupetti in divisa che potranno prendere parte ai corsi per imparare a conoscere meglio il proprio corpo, la sessualità e approfondire il tema del sesso sicuro, condom compreso. 

E’ naturale che questa scelta abbia lasciato un po’ perplessi gli scout della prima ora, quelli che ormai scout non dovrebbero più essere per intenderci. Quarantenni che si sono scagliati contro questa iniziativa intelligente difendendo ,a spada tratta, quei periodi rinascimentali ( i loro) dove verità come ” se ti mastrubi eccessivamente diventi ceco” sono state partorite. Fortunatamente la decisione è stata presa visto il bisogno sempre più impellente di fare informazione; immaginiamo quindi campi dove alla solita pesca mattutina e al gioco di squadra pomeridiano ( con preghierina annessa),la sera ci si divertirà un po’ di più con lezioni di un corretto utilizzo dei preservativi. 

La cosa importante è accompagnare i ragazzi nella crescita e non distruggere mai lo spirito di squadra che è alla base dello scoutismo. Uno scout non pensa mai a sè stesso ma alla collettività , non esiste l’individuo esiste il gruppo ( il concetto di squadra nel sesso sarà difficile da insegnare) .

“Facendo gli scout si impara a fare squadra, a lavorare insieme, a mettere da parte protagonismi e individualismi. Credo che lavorare insieme possa portare a raggiungere un obiettivo comune”. Guido Bertolaso. A buon intenditor poche parole. 

Paolo Quaglia

una perla d’esempio di alta informazioneultima modifica: 2011-04-15T17:33:08+02:00da molisenet.net
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “una perla d’esempio di alta informazione

  1. http://news.yahoo.com/s/afp/20110405/wl_uk_afp/britainhealthsexoffbeat
    in realtà è semplicemente successo che l’organizzazione degli scout inglesi ha avviato attività di educazione sessuale in considerazione del fatto che l’Inghilterra è particolarmente soggetta a malattie sessualmente trasmissibili.
    Nulla di strano, quindi, e nessun tradimento della proposta originaria, soprattutto per chi abbia letto “la strada verso il successo”.
    Una trattazione, quella dell’autore, approssimativa e piena di luoghi comuni (peraltro sbagliati) che fanno pensare che “ceco” in luogo di “cieco” non sia un semplice errore di battitura! 😀

Lascia un commento